Quindici anni fa il lavoro di Malafamilia è partito da un’idea: gli oggetti, proprio come le persone, hanno una storia da raccontare.

Tutto per Malafamilia si basa sull’artigianato, sulla manualità e sulla trasformazione dei materiali. Partendo dalla convinzione che sia possibile dare nuova vita agli oggetti attraverso l’artigianato, Malafamilia lavora quasi del tutto con materiali di recupero, arrivando a creare pezzi unici con una propria identità, che portano l’impronta della mano che li ha lavorati con passione.

Le cornici ricavate dal legno di vecchi bancali, i quadretti in legno ricavati da tronchi e poi lavorati in laboratorio, i poster serigrafati a mano in edizione limitata e il lavoro su complementi d’arredo sono alcuni degli esempi di una continua sperimentazione che parte dalla più tradizionale serigrafia su stoffa e carta per arrivare al lavoro su materiali organici come foglie e banane o su oggetti antichi come i tarocchi prodotti quasi un secolo fa.

Le immagini che vengono serigrafate a mano sono create attraverso la combinazione di vecchio e nuovo. Demoni, teschi, madonne, piante, mostri marini, figure antropomorfe; immagini a contrasto creano creature fantastiche, mondi e messaggi che cambiano di volta in volta.

Malafamilia non ha la pretesa di inventare, ma di trasformare ciò che già esiste per dargli nuova forma e una nuova storia. Vogliamo sperimentare continuamente, per curiosità, per la necessità di esplorare tutte le possibilità dei diversi materiali, dei colori, delle combinazioni possibili.

Malafamilia non perde la sua voglia di evolversi, anche per la volontà di ritagliarsi uno spazio in un mercato sempre più teso all’omologazione e al risultato semplice.

In quindici anni il mondo intorno a noi è cambiato, qualunque cosa è sempre più presente in abbondanza e perde la sua identità.

Per noi è cresciuta la voglia di creare oggetti che abbiano una loro storia, una loro autenticità e che si portino dietro un vissuto, un messaggio che dura nel tempo.